Terremoto di magnitudo 6.8 al largo della Grecia, epicentro a Zante, allerta tsunami

Una violenta scossa di terremoto valutata dall’INGV di magnitudo 6.8 sulla scala Richter è stata avvertita alle 00.54 ora italiana in tutto il Mediterraneo centrale. L’epicentro in Grecia nello Ionio e più precisamente 25km a sudovest dell’isola di Zante. La profondità ipocentrale di circa 10km. La scossa più forte è stata preceduta e seguita a poca distanza da due eventi minori di magnitudo 5.0, uno alle 00.22 e un successivo alle 1.09. Il sisma è stato nettamente avvertito anche nell’Italia meridionale, paura e molte segnalazioni dalla Puglia, dalla Calabria, dalla Sicilia, dalla Basilicata e persino dalla Campania. Si tratta di un evento sismico molto intenso e la vicinanza dell’epicentro all’isola di Zante fa temere che vi possano essere stati dei danni anche importanti. Non è da escludere che in seguito al sollevamento del fondo marino si possa verificare anche un piccolo tsunami. Di ufficiale in questo momento non si sa ancora nulla.

MODERATO RISCHIO TSUNAMI emesso dall’INGV, si sconsiglia di stare in prossimità delle spiagge. Sul crotonese è stata rilevata un’anomalia di 10cm.

Quella zona della Grecia è molto sismica, il 12 Agosto del 1953 alle 11.24 del mattino un terremoto violentissimo di magnitudo 7.3 devastò l’intera isola di Zante e quella di Cefalonia facendo crollare il 75% degli edifici, vi furono quasi 500 vittime.

Print Friendly, PDF & Email